MASCAGNI- IL COMPOSITORE CHE AMAVA LE TRIGLIE

“Pietro Mascagni (1863-1945) Livornese, figlio di un fornaio, lascia la sua città d’origine
da adolescente per frequentare il conservatorio a Milano, dove affitta una stanza insieme al lucchese Puccini, di qualche anno più anziano. (…) Nel 1888 l’editore musicale Sonzogno lancia un concorso
per un’opera in atto unico. Mascagni chiede aiuto a un amico livornese, Giovanni Targioni-Tozzetti, che trae un libretto dalla novella di Verga Cavalleria rusticana: vince il concorso e a 27 anni mette in scena a Roma l’opera che lo consacrerà in tutto il mondo.” (Cit. Balboni – Bonacci Editore)

Terrazza Mascagni – Livorno

L’unica cosa su cui Papà e d’Annunzio non vanno d’accordo è sul cibo, la nostra cameriera lo sa e prepara sempre due pranzi separati. L’uno guarda nel piatto dell’altro facendo commenti, osservazioni, grida di meraviglia e siccome pretendono di essere due salutisti d’eccezione ognuno cerca di convincere l’altro della superiorità del proprio metodo.”


PUOI LEGGERE L’ARTICOLO COMPLETO
Mascagni e Livorno – Un caso Internazionale
Pietro Mascagni. Incontri & scontri. Da D'Annunzio a Mussolini - Libro  Usato - Editrice Nuova Fortezza - | IBS

L’autore della “Cavalleria rusticana” era altresì un amante dei viaggi e della buona tavola. Figlio di un fornaio, si dice che Mascagni adorasse le uova che consumava in gran numero e in tutti i modi. Uno dei suoi piatti preferiti erano le triglie alla livornese e lo stoccafisso con le patate che alternava a grandi bistecche che, a suo dire, gli davano molta energia.


PUOI LEGGERE L’ARTICOLO COMPLETO
ITALIA A TAVOLA

E’ risaputo che nel mondo dell’opera i piaceri della tavola rappresentavano parte integrante della vita dei più importanti compositori. Viene narrato a tale proposito un episodio, ambientato durante una sontuosa cena avvenuta a Milano tra Mascagni e l’amico Puccini . Mentre i due ricordavano gli anni di studi e sacrifici condivisi nella stessa stanzetta a Milano, fra loro sarebbe esplosa una goliardica discussione sul se era più succulento un piatto di cacciucco livornese o una folaga rosolata lucchese.


PUOI LEGGERE L’ARTICOLO COMPLETO
TACCUINI GASTROFISICI- MASCAGNI MITO GAUDENTE

OPERA DIDATTIZZATA PER STUDENTI DI ITALIANO LS/L2

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...